Tutte le news
Settore - Alimentare

  • Covid 19 - Proroga dello stato di emergenza e nuovi provvedimenti

    Disposta la proroga dello stato di emergenza ed emanati nuovi provvedimenti in tema di contenimento dell’epidemia da Covid 19

    18 gennaio 2021


  • Seminari mercati esteri

    Il Gruppo Imprese Artigiane, in collaborazione con l’Unione Parmense degli Industriali e l’Agenzia ICE, per essere al fianco delle aziende del territorio, organizzano una serie di videoconferenze finalizzate ad illustrare l’attuale situazione economica e finanziaria e le prospettive future dei principali Paesi di esportazione delle aziende del Parmense.

    15 gennaio 2021


  • Avvio indagine congiunturale annuale industria - Aziende industriali

    Avvio rilevazione annuale sulla situazione economica. Da compilare entro il 29 gennaio p.v.

    14 gennaio 2021


  • Premio di produzione provinciale . Acconto di gennaio

    Si rammenta che, ai sensi del vigente CCPL 10.07.2018, con la retribuzione del mese di gennaio 2021 va corrisposto l’importo di euro 650 lordi a titolo di acconto del premio di produzione.

    30 dicembre 2020

    Risorse umane e relazioni sindacali | Alimentare

  • Convocazione - Settore Lattiero Caseario

    Convocazione Assemblea Settore Lattiero Caseario

    04 dicembre 2020


  • FSBA ARTIGIANI: Variazione della disciplina della sospensione EBER - Aziende artigiane

    Nuova modifica Eber sulla disciplina del proprio ammortizzatore sociale, recependo quanto previsto dal “Decreto Ristori” n.137/2020.

    16 novembre 2020


  • Ordinanza Ministero Salute 10 novembre 2020

    Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19

    11 novembre 2020


  • FSBA-Artigiani: proroga automatica delle domande di sospensione con causale COVID-19 al 31 dicembre 2020

    Le pratiche di sospensione con causale covid-19, sono estese automaticamente alla data del 31 dicembre 2020.

    04 novembre 2020


  • Libretti latte 2021. Prenotazione

    Libretti del Latte disponibili anche il 2021

    14 ottobre 2020


  • Rinnovo CCNL Industria alimentare

    Facciamo seguito alle precedenti circolari sul tema in oggetto con le quali abbiamo informato che tre Associazioni aderenti a Federalimentare, Ancit, Assobirra, Unionfood, hanno sottoscritto, il 31 luglio scorso, un accordo con le segreterie di settore di CGIL, CISL e UIL, definito erroneamente come “Rinnovo del CCNL dell’industria alimentare”. Tutte le altre 10 Associazioni di Federalimentare, tra cui la nostra, che rappresentano complessivamente la maggioranza della federazione, hanno deciso di non firmare tale accordo. Consapevoli che le azioni sindacali, quali sospensioni degli straordinari e della flessibilità e altre prestazioni aggiuntive, possono creare disagi alle aziende associate, riteniamo corretto riassumere i presupposti e le motivazioni che hanno portato alla sospensione delle trattative e alla mancata sottoscrizione dell’accordo raggiunto dalle tre associazioni. Svolgimento delle trattative La metodologia dei tavoli separati, del tutto anomala, ha condizionato il negoziato sia come qualità che per risultati, penalizzando il tavolo coordinato da Federalimentare. Nonostante tutto, la trattativa portata avanti da Federalimentare da oltre nove mesi aveva condotto a riconoscere, il 30 luglio, una serie di trattamenti: la definizione degli elementi componenti il TEM – trattamento economico minimo un aumento del TEM di ca. € 84 nel quadriennio di vigenza, come somma di € 21,43 previsti dagli accordi-ponte di maggio 2020 e di € 63 sulla base dell’IPCA a giugno 2021 disponibilità a prevedere un elemento economico aggiuntivo nel Tec (trattamento economico complessivo), a condizione che fosse correlato ad elementi di produttività, redditività ed efficienza/flessibilità, e che avesse una natura sostanzialmente diversa dal Tem. aumento del contributo ai Fondi bilaterali FASA, Cassa rischio Vita e Sostegno a maternità e paternità (e non all’ Ente bilaterale Ebs che avrebbe solo portato soldi in cassa al sindacato e non ai lavoratori) due nuove tipologie di congedo: per l’inserimento dei bimbi alla scuola dell’infanzia, e per l’accompagnamento dei genitori ultra 75enni nel caso di ricovero o visite specialistiche disponibilità a prevedere una sperimentazione per lo sviluppo della formazione in tutte le imprese piena disponibilità in termini di miglioramento della sicurezza. Il sindacato ha respinto la proposta di Federalimentare ed ha interrotto la negoziazione, firmando nella notte del 31 luglio l’accordo con le 3 Associazioni Ancit, Assobirra Unionfood. E’ pertanto più che evidente che Federalimentare non ha interrotto la trattativa, ha anzi confermato, nel lasciare la sala, e da ultimo con lettera del 10 settembre, la propria volontà e disponibilità a proseguire. Pertanto, i principali motivi della mancata firma dell’Accordo 31 luglio, da parte delle 10 Associazioni coordinate da Federalimentare, sono così riassumubili: aumento mensile di € 119 a regime, interamente blindato come base per i contratti successivi, cui vanno aggiunti € 30 mensili per le aziende prive di contrattazione aziendale (per quest’ultime, di solito di minori dimensioni, l’aumento mensile a regime passa quindi ad € 149) assenza di misure di flessibilità organizzativa e/o di incentivo per la produttività aziendale, nonché di soluzioni, anche economiche, che colgano peculiarità e differenze tra i diversi settori montante nel quadriennio 2020-23, pari ad € 2953.97, maggiore del precedente rinnovo (€ 2815), allorquando il contesto economico era più favorevole e senza l’emergenza Covid ipoteca sull’anno 2023 per un totale di € 56 mensili, costituito dalla 4a tranche di TEM per € 20,87 medi (da gennaio) e da € 35 di IAR - Importo aggiuntivo della retribuzione, riparametrato, non assorbibile e incidente su mensilità aggiuntive e TFR. Il 2023, pertanto, sarà un anno molto pesante economicamente per le aziende, che, nel predisporre i budget, oltre ai 56€ mensili di aumento, potrebbero dover stimare anche la prima tranche del successivo rinnovo contrattuale. Valutazioni Il comportamento del sindacato (stato di agitazione ed iniziative varie) risulta quanto meno intempestivo, oltre che scorretto, specie considerando che i lavoratori sono già coperti sotto il profilo economico per tutto il 2020 dagli accordi ponte firmati lo scorso maggio da tutte le associazioni e che comunque, nell’accordo delle tre associazioni, la prossima tranche decorrerà dal 1 settembre 2021. In realtà, quindi, è sino a tale ultima data che tutti i lavoratori sono coperti economicamente dall’aumento previsto dagli accordi ponte di maggio. Come già chiarito, il contratto impegna le sole aziende aderenti alle Associazioni che lo hanno sottoscritto e non può essere qualificato come rinnovo del CCNL. Situazione attuale Federalimentare ha formalmente invitato, il 10 settembre scorso, il sindacato a non denominare l’accordo del 31 luglio come di “Rinnovo del CCNL dell’industria alimentare” confermando la propria volontà e disponibilità alla prosecuzione del negoziato precisando che l’accettazione dei tavoli separati, per coerenza, non può che comprendere la possibilità di accordi collettivi diversi, senza pregiudiziali. FAI, FLAI, UILA, non si rendono disponibili a proseguire il negoziato, che peraltro era giunto ad una fase molto avanzata, ed hanno la pretesa – con iniziative di coercizione della volontà (stato di agitazione, blocco flessibilità ecc.) anziché con il corretto confronto sindacale - che le 10 Associazioni industriali firmino per adesione l’accordo del 31 luglio. Sulla vicenda sono intervenuti anche i vertici di Confindustria, come ben sapete.

    01 ottobre 2020


Visualizzati 1-10 di 1105

Chiedi informazioni e scopri tutti i vantaggi per gli associati GIA

Scopri di più

Contenuto protetto

Per poter visualizzare il contenuto è necessarrio effettuare il login.

Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram